Radiologia

Armonia Diagnostica offre servizi di radiologia e diagnostica

 

  • Ecografia ed ecocolordoppler: Ecografia addominale, parti molli, muscolo scheletrico; ecocolordoppler vascolare arterioso e venoso, vasi superficiali e profondi;
  • Radiologia standard: Radiologia ossea, toracica, addominale, senza e con mezzo di contrasto;
  • Mammografia con eventuale agoaspirazione o biopsia mirata;
  • Radiologia TAC: Cranio, torace, addome, colonna, scheletro e arti, senza e con mezzo di contrasto;
  • Risonanza Magnetica Nucleare (RMN): Neurologica, addominale e scheletrica senza e con mezzo di contrasto;
  • Colonscopia virtuale;
  • Densitometria ossea MOC;
  • Ortopantomografia (OPT), lastre endorali, TAC Dentalscan
  • Stereotassi;
  • Citoaspirati e agoaspirati;
  • Ozonoterapia.

Il Centro è attrezzato con apparecchiatura radiologica telecomandata in grado di eseguire indagini diagnostiche in modalità fluoroscopica e radiografica. Tramite questa diagnostica verranno effettuare tutte le indagini radiologiche convenzionali dell’intero distretto scheletrico nelle migliori condizioni di comfort del paziente, scarso assorbimento di radiazioni, alta definizione delle immagini e massima protezione per il personale addetto.


Prenota il tuo esame al numero verde verde 800 892 855 (numero verde gratuito da rete fissa) oppure 0376 1608500 (numero da telefono mobile al costo previsto dal proprio piano tariffario).

 

Armonia esegue la Colonscopia Virtuale, esame radiologico che permette di studiare il colon e l’intestino senza ricorrere a sonde endoscopiche come nella Colonscopia Tradizionale, con una metodica non invasiva, totalmente indolore e facilmente tollerabile dal paziente, che consiste nella ricostruzione virtuale e molto precisa dell’interno del nostro intestino.

La Colonscopia Virtuale  viene eseguita tramite una semplice TAC a basso dosaggio di raggi X.

I dati anatomici acquisiti in alcuni secondi con la TAC vengono successivamente elaborati da specifici software, che ricostruiscono sullo schermo in modo virtuale e tridimensionale l’intestino, consentendo una “navigazione” al suo interno, ma visualizzando anche lo spessore della parete del colon e altri organi.

Questo esame rappresenta un’alternativa non invasiva con finalità diagnostiche alla colonscopia tradizionale in quanto non prevede l’utilizzo di nessuna sonda endoscopica, evitando al paziente qualsiasi fastidio o dolore generalmente avvertiti nel corso dell’esame convenzionale. La colonscopia virtuale, al pari dell’esame tradizionale, permette di studiare ed osservare l’intestino (colon-retto) e le relative patologie o problematiche presenti quali tumori, polipi, diverticoli ecc.
 

Studi recenti ed autorevoli su questo esame hanno scientificamente dimostrato come la sensibilità di tale metodica nello screening del cancro del colon-retto sia sovrapponibile a quella della colonscopia classica. Può essere inoltre particolarmente vantaggiosa per le persone anziane e per coloro che, per diversi motivi, sono impossibilitati o non riescono sottoporsi alla colonscopia tradizionale. Inoltre, tale esame è ad oggi considerata l’esame sostitutivo del Clisma Opaco. Tuttavia, a differenza della colonscopia tradizionale, non e’ in alcun modo un esame operativo. Individuato e definita la presenza di un polipo o di una massa colica, non potrà nella medesima seduta né essere asportata e nemmeno biopsiata, come invece e’ possibile fare con la colonscopia, che si rendera’ comunque in questi casi indispensabile.
 

Ma come viene eseguita la Colonscopia Virtuale?

La Colonscopia Virtuale è un esame TAC (Tomografia Assiale Computerizzata) della durata di alcuni secondi (5-20 secondi), non fastidioso o invasivo per il paziente in quanto non è richiesta l’introduzione di nessuna sonda endoscopica, né l’utilizzo di sedazione.
Il paziente viene fatto sdraiare sul lettino della TAC e successivamente si  introdurrà un piccolo e sottile tubicino di plastica per pochi centimetri oltre l’orifizio anale. Questo tubicino è collegato ad un palloncino con una pompetta tramite cui sarà possibile eseguire l’insufflazione di aria o anidride carbonica all’interno del colon. Successivamente questa prima fase di preparazione del paziente all’esame, avverrà la scansione radiografica vera e propria. Tale scansione avrà una durata di pochi secondi nel corso dei quali è richiesto al soggetto di trattenere il respiro. La dose di radiazioni che verranno impiegate nel corso della scansione è generalmente molto bassa ed equivale a circa il 20% della dose assorbite da un paziente nel corso di una normale TAC. I dati della TAC saranno successivamente elaborati da specifici programmi software che consentiranno al medico di “navigare” virtualmente all’interno del lume del colon per identificare le differenti patologie o problematiche presenti.